La storia

Presentazione della Ditta Conti e Molinari

Furono i nostri bisnonni Elvira Sartoni e Armando Conti a fondare l’impresa nel 1904.
Fino a poco tempo prima, lui lavorava come commesso in un magazzino di tessuti, a Bologna.
Lei frequentava un corso di sartoria presso un istituto di suore sempre a Bologna. Avendo poi cominciato a fare la sarta andava a comperare i tessuti in quello stesso emporio dove lavorava Armando. Si conobbero, s’innamorarono e si sposarono. E insieme decisero di fare il grande passo. Acquistarono in Corso Italia questo nostro negozio che cent’anni fa era una stalla, la riadattarono e diedero origine all’azienda che oggi a un secolo e più di distanza è portata avanti da noi, loro pronipoti.

storia

Il negozio, in quei tempi lontani, era così organizzato: Elvira confezionava capparelle (il tradizionale tabarro), tute da lavoro, cappelli per le signore. Armando stava al banco, con le matasse di canapa da tessere e le stoffe in metratura, alle quali si affiancavano le confezioni cucite dalla Elvira. Ben presto si aggiunsero i materassi. Li preparava il bisnonno nel retrobottega, la bisnonna cuciva le fodere.

storia_negozioIl negozio s’affermò rapidamente sulla piazza di San Giovanni e anche oltre. In breve la rete della sua clientela abbracciò un vasto territorio fra Bologna, Modena e Ferrara. Conserviamo gelosamente alcuni registri clienti che indicano le varie destinazioni: Crevalcore, Sant’Agostino, Castelfranco, Scandiano, Bologna..

La generazione successiva, quella di Cesare e Ada, aveva già la consapevolezza di un’impresa ben avviata per quei tempi. Ebbero l’onere di mantenere, anche durante il difficile periodo bellico, un negozio vivo e legato alle tradizioni persicetane, dal Carnevale all’Asilo Infantile Persicetano.

Siamo agli inizi degli anni 60, si arriva ad un’altra generazione: Carla Conti e Pietro Molinari, e dall’unione dei loro cognomi si passa dalla ditta Sartoni e Conti alla attuale Conti e Molinari. L’amore che nostra madre aveva per questo negozio era così forte che contagiò anche ns. padre Pietro il quale pur facendo fin da ragazzo il macellaio al compimento dei suoi 30 anni vendette la macelleria e cambiò mestiere, praticamente da un giorno all’altro. Dobbiamo dire se la cavò benissimo; fu un lavoratore instancabile oltre che fantasioso, utilissimo nell’economia dell’azienda. Fra i nostri genitori c’era una precisa divisione del lavoro: Carla stava dietro al banco ed era la grande esperta dei tessuti, capace di coglierne le differenze e i pregi a colpo d’occhio se non al tatto. Pietro si occupava delle forniture, della vendita dei vestiti a confezione industriale che cominciavano ad affermarsi proprio in quegli anni.

storia_gabriella-marcoSi arriva ad oggi ora siamo noi Gabriella e Marco a proseguire questa storia, sperando di esserne degni eredi.
Possiamo affermare che tra le ragioni che ci muovono ci sono anche l’amore e il rispetto per chi ci ha preceduti, uniti allla consapevolezza che una piccola realtà come il nostro negozio può rappresentare un esempio di attaccamento al proprio territorio.

Gabriella e Marco Molinari

Iscriviti alla Newsletter

Eventi, Fiere e Iniziative